fbpx
skip to Main Content

Fabrizio Dall’Aglio

Ho perorato la mia condanna
scongiurando l’esecuzione.
Dio mi è testimone,
l’ho fatta in barba all’epoca
e al costume.
Nascosto
nella stiva del tempo,
immune alla bonaccia e alla deriva
ho custodito il mio spirito implume
e refrattario,
ossigenando il letargo
coi riccioli delle parole.
Quando la nave, di colpo
ha preso il largo,
ho spiato dagli oblò
la situazione:
non c’era che il mio volto
contro il vetro,
e dietro il mare mare mare
in ogni direzione.
Questo era il viaggio.
Niente balene
o un’isola deserta,
nessun tesoro da dissotterrare;
solo gli urrah
dell’equipaggio in coperta,
al canto di non so quali sirene.

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi